Close

17 ottobre 2017

Immagini e foto per creare una presentazione perfetta

Trovare l’immagine perfetta per la nostra presentazione non è sempre semplice eppure è determinante per il successo della nostra comunicazione. Imparare a selezionare e usare in maniera efficace le immagini ci aiuta a creare slide accattivanti, coinvolgenti e originali. In fondo all’articolo scoprirai anche dove trovare e scaricare foto e immagini gratuite per rendere le tue slide memorabili. 

Se ci troviamo a preparare delle slide con molta probabilità significa che dobbiamo tenere un discorso o una lezione in cui le sole parole, oppure l’aiuto di una lavagna, non sono sufficienti a mettere in connessione il pubblico con l’argomento della presentazione. Significa che quello che vogliamo raccontare ha bisogno di essere mostrato per ottenere un maggiore impatto sulla platea. Questo è il vero significato di una presentazione e cioè il suo agire da supporto visivo alle parole del relatore: la possibilità di attualizzare la parte verbale attraverso le immagini.

Ma cosa intendiamo con immagine in una presentazione? Praticamente tutto, dalla foto a schermo intero alla tabella piena di numeri, ogni singola slide in sé rappresenta un’immagine, un piccolo quadro all’interno del quale ogni elemento è inserito e posizionato per veicolare un certo significato. Per approfondire le connessioni tra colori, forme, font e layout delle presentazioni ti consiglio di leggere 10 consigli per una presentazione ad altissimo impatto, in questo post invece parliamo di immagini, generalmente fotografiche, che possiamo inserire nella presentazione per amplificare e sostenere il nostro messaggio.

Le immagini, come le storie, sono un potente strumento mnemonico.

Ci permettono di generare associazioni e metafore, caricando di emozione o significato una semplice parola scritta. Quando scegliamo le immagini per le nostre presentazioni dobbiamo pensare agli effetti intenzionali della nostra scelta, ma anche a quelli non voluti. L’immagine, e questo è il suo bello, non veicola solo il nostro messaggio ma è soggetta all’interpretazione soggettiva del pubblico. Vediamo nella presentazione seguente come usare le immagini per rendere più efficace la nostra comunicazione.

Utilizziamo bene le immagini perché saranno ricordate e assimilate molto meglio delle parole: infatti le persone ricordano le informazioni presentate sotto forma di immagine 6 volte più facilmente rispetto a quelle testuali.

Si chiama Picture Superiority Effect, e si riferisce a un largo campo di ricerca, che dimostra che gli esseri umani imparano e ricordano più facilmente le informazioni presentate come immagini, rispetto a quando lo stesso contenuto è presentato in forma verbale. Fonte

Dal punto di vista tecnico, ci sono alcune semplici regole, o limitazioni, che una volta applicate ci guideranno già verso un utilizzo più appropriato ed efficace delle immagini. Per esempio, le immagini non devono essere sgranate, se non sono disponibili nella dimensione di cui abbiamo bisogno è meglio rinunciarci perché inevitabilmente la sgranatura rifletterà poca professionalità, anche se percepita solo a livello inconscio dal pubblico. Lo stesso vale quando inserisci un’immagine in una porzione più piccola della propria grandezza, attenzione a non provocare l’effetto streching come nell’esempio di sinistra ma a tagliare l’immagine mantenendone le proporzioni corrette.

trovare immagini gratis presentazione

Come inserire le immagini nella slide?

Ci sono diverse soluzioni per inserire in maniera efficace un’immagine nella nostra slide. Idealmente l’immagine dovrebbe occupare tutta la slide, avendo un ruolo da protagonista: è finita l’epoca delle clipart oppure delle immagini centrali nella slide. Prestiamo però sempre la massima attenzione alla leggibilità della slide. Il testo sull’immagine deve creare contrasto altrimenti sarà meglio aggiungere un box di sfondo dietro al testo per assicurarci che sia leggibile oppure aggiungere una sfumatura sufficiente a garantire una facile leggibilità. Infatti, non solo la slide deve essere leggibile, ma deve esserlo anche senza fatica.

immagini efficaci per slide coinvolgenti

Non scegliamo immagini banali, scontate, stock. Ma nemmeno immagini che rispecchino fedelmente le nostre parole. Le immagini che funzionano meglio sono quelle che richiedono una collaborazione del pubblico per la generazione di senso: in questo modo la comprensione del messaggio è più immediata e più forte.

Nell’esempio che segue ho inserito nel primo caso l’immagine che descrive da vicino la situazione di una presentazione in pubblico e cioè l’aula con delle tipiche sedie rosse da conferenza, il risultato grafico è sicuramente piacevole ma è povero sotto il profilo comunicativo: l’immagine non aggiunge nulla a ciò che ci fa capire la frase testuale, anzi sembra quasi che la depotenzi essendo una stanza vuota poco evocativa di una performance. Nel secondo caso, invece, facciamo compiere un salto allo spettatore tra il mondo delle presentazioni e quello della danza, scatenando tutta una serie di collegamenti e sensazioni che nel primo caso era impossibile suscitare.

immagini gratis presentazione powerpoint

Le immagini parlano una loro lingua, lavorano su un piano più immediato delle parole e per questo motivo utilizzarle in maniera efficace, non tradizionale, ci aiuta anche con la costruzione dello storytelling della nostra presentazione.

Ricorda che non tutte le immagini sono uguali ma ci sono aspetti che molte volte non consideriamo e che invece hanno un grandissimo impatto sulle nostre presentazioni. In generale consiglio sempre di farsi alcune domande:

  1. L’immagine che ho scelto si capisce subito? e da tutti? A volte immagini sgranate o con poco contrasto rendono difficile individuare in maniera immediata il soggetto della foto, in questo caso meglio preferire un’altra immagine più chiara per valorizzare meglio il messaggio. Inoltre attenzione che l’immagine sia perfettamente riconoscibile sia da chi si trova in prima fila che da chi siede in fondo alla sala.
  2. L’immagine aggiunge qualcosa? Non scegliere immagini didascaliche, che semplicemente “descrivono” ciò di cui stai parlando, ma usa scene in grado di creare collegamenti nella mente del pubblico, aggiungendo sfumature al significato originario. Cerca di andare oltre, di trovare immagini che conducano al significato per un percorso laterale, richiedendo la partecipazione attiva di chi guarda. Così otterrai un vero “effetto wow”.
  3. L’immagine è neutra oppure ha delle connotazioni particolari? Per esempio, quando creiamo una metafora stiamo attenti al tipo di associazione che risulta dalla combinazione, in quanto alcuni elementi, seppure funzionali alla narrazione, a volte hanno una connotazione precedente negativa che influenza l’interpretazione collettiva del messaggio. Chiediamoci sempre, oltre al messaggio che l’immagine porta, quale sensazione ed emozione può suscitare nel pubblico o nei vari tipi di pubblico. Potrebbe infastidire qualcuno? Verrà compresa e recepita positivamente da tutti?
  4. L’immagine rappresenta qualcosa che tutti conoscono? Attenzione quando creiamo metafore o citazioni senza essere sicuri che almeno più dell’80% del pubblico presente sia a conoscenza del riferimento che stiamo citando o dell’immagine che stiamo mostrando (a meno che non sia l’effetto voluto). Per esempio, usare la foto di un personaggio famoso in una presentazione è molto efficace nel creare una connessione attraverso un patrimonio culturale comune, ma assicuriamoci che questo personaggio sia conosciuto dalla maggior parte della platea. Se voglio stuzzicare con un’immagine divertente una classe delle medie non potrò usare Fonzie perché non lo conoscono ma dovrò orientarmi verso uno youtuber.

Dopo questi consigli, ti lascio una lista di siti molto validi dove trovare immagini gratuite disponibili per il riutilizzo commerciale ma prima di scaricare una foto leggi sempre le condizioni di ciascun sito perché potrebbero cambiare:

Il segreto per migliorare più velocemente

In questo articolo ti ho mostrato come sia possibile utilizzare le immagini in maniera davvero efficace. Questo è già un buonissimo punto di partenza ma, per realizzare una presentazione convincente e coinvolgente, hai bisogno di imparare a gestire in maniera corretta anche tutti gli altri elementi all’interno della slide. Studiare tutte le regole e i principi del Presentation Design ti aiuterebbe in questo senso ma potrebbe risultare estremamente faticoso.

C’è una strada molto più semplice per ottenere risultati già nell’immediato: imparare a ragionare come ragiona il nostro pubblico, o comunque chi si trova davanti a una determinata slide. Che effetto hanno le dimensioni, i colori, le immagini che scelgo? Imparare a riconoscere i meccanismi di decodifica e interpretazione che avvengono in ognuno di noi, in maniera più o meno consapevole, quando ci troviamo di fronte a una presentazione è la chiave per accelerare il miglioramento e cambiare subito il proprio modo di fare slide.

Prima di occuparmi di presentazioni con Notemplate, lavoravo in un settore diverso in cui mi capitava spesso di tenere corsi e partecipare ad eventi che richiedevano l’utilizzo delle slide. Ovviamente ero presa dal mio lavoro e non avevo abbastanza tempo per studiare il Presentation Design e perfezionarmi come avrei voluto: sono stati necessari diversi anni per arrivare a una consapevolezza adeguata su cosa si intendesse per efficacia di una slide. Per questo motivo capisco che quando il nostro lavoro non è creare presentazioni, è difficile trovare il tempo necessario per “specializzarsi” anche in questo campo. L’attenzione inevitabilmente deve essere data in maniera prioritaria ai contenuti da produrre e inserire nella slide, al lavoro, ai clienti e a tanto altro!

Per permettere, anche a chi non ha molto tempo, di vedere subito dei cambiamenti nelle proprie presentazioni, ho pensato di evitare di fare un libro di migliaia di pagine piene di test e di condensare in poco più di 130 pagine, ricche di immagini ed esempi, tutto il necessario per cambiare radicalmente il proprio modo di creare una presentazione. Il resto potrai approfondirlo in seguito, tornando nelle varie sezioni e cliccando sulle risorse, ma intanto avrai uno strumento che si legge in poche ore, in grado di metterti subito in condizione di aumentare l’efficacia della tua prossima presentazione.

L’ebook è pensato per accompagnarti in maniera dolce, ma estremamente rapida, a sviluppare un occhio per il design efficace e a capire le esigenze di chi guarda una presentazione: la stessa struttura del manuale ti insegnerà silenziosamente come e quali contenuti mettere in evidenza per rendere le tue idee più fruibili. L’esposizione è semplice e la lettura scorrevole perché l’obiettivo è quello di produrre un cambiamento concreto nel minor tempo possibile.

Ebook presentazioni efficaci

Il primo ebook di 30 pagine è disponibile gratuitamente e contiene le informazioni utili per cambiare il tuo approccio alle slide e per permetterti di progettare in maniera efficace la struttura della presentazione.

Compila il form per ricevere l’ebook gratuito e migliorare rapidamente l’efficacia delle tue presentazioni

Se vuoi acquistare subito l’ebook completo clicca qui
*Non mi piace lo spam, inserendo la tua mail riceverai solo comunicazioni utili su nuovi contenuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

share